Casanova

Compie i suoi studi all’accademia di design e comunicazione di Milano. Lavora come grafico, pubblicitario, illustratore e copywriter.Da pochi anni ha lasciato il mondo della pubblicità cimentandosi come illustratore. La musica è una delle sue più grandi ispirazioni. I suoi lavori più interessanti sono senza dubbio quelli eseguiti in collaborazione con “Il Magnetofono”, gruppo jazz, un binomio tra musica e arte, dove le immagini dell’artista vanno ad illustrare le canzoni della band nello stesso momento della loro esecuzione diventando un interessante incrocio tra illustrazione e performance. La tecnica usata è interessante e riconduce il lavoro dell’artista a una dimensione più personale, adopera infatti la stampa digitale con la pittura acrilica. Scene di film noir americani ambientati negli anni ‘50, con qualche ispirazione presa dal regista Tarantino. Le sue femme fatale sono emancipate e pronte alla vendetta contro uomini fannulloni e senza scrupoli. A uno sguardo attento non sfugge come la società ritratta nelle opere di Casanova abbia molto in comune con la nostra, e a uno sguardo ancor più pignolo sovviene anche il dubbio che le immagini non siano solo istantanee di qualche momento del quotidiano di 50 anni fa. Il progetto presentato al New Generation festival ha una fortissima influenza pop, le immagini vengono create dopo un’acuta e intensa riflessione sul contemporaneo. La perdita di valori concreti e il decadimento degli idoli secondo Casanova si riflettono nelle sue immagini di ibridi, dove vecchi e nuovi eroi si mescolano creando immagini surreali ma allo stesso tempo anche comiche. E sul non prendersi sul serio si basa tutta l’operazione, che fa dello scherno e del riso la sua arma più potente nell’attrarre il pubblico verso i concetti che vuole trasmettere.

Per ricevere maggiori notizie sull’artista e sulle opere contattateci qui >